Intervista a MARCO NIGRELLI

Chi e’ Marco Nigrelli ?Descrivici in ambito tennistico le tue qualita’:

Ciao Emiliano! 
Sono Marco Nigrelli, ho 26 anni. Ho cominciato a giocare così, per caso, a 10 anni perché un mio compagno di giochi aveva cominciato a giocare in un circoletto vicino casa.. e da lì non ho mai smesso. 
Dopo aver cominciato a giocare ho cercato un circolo che poteva offrirmi di più e cosi scelsi il Forum Sport Center. Ormai sono quasi 18 anni che frequento il circolo e 7 in cui ci lavoro!
 

Parlaci dell’ accademia dove lavori al Forum Roma Sport Center,chi segui in particolare, giovani e adulti? C’e’ qualche giovane di buone speranze?

Da due anni a questa parte i fratelli Alessandro e Francesco Piccari hanno preso la gestione della scuola tennis del Forum portando il loro  metodo d’insegnamento, nonché i giocatori e giocatrici dell’accademia che hanno ad Anzio ed alcuni che si stanno unendo dalle varie zone di Roma. Io in particolare mi ispiro al coach , ex giocatore , Alessandro Da col il quale mi ha insegnato tutto quello che so sul come diventare ed essere un allenatore di livello. Al momento seguo due ragazzini di 11anni i quali hanno deciso di intraprendere un percorso formativo sperando di portarli al massimo delle loro capacità.

Ti piace insegnare tennis e perchè?

Amo il tennis e tutto ciò che lo circonda. Non esiste un momento della giornata in cui non penso al tennis. Il tennis è la mia vita. L’insegnamento lo reputo un donare e aiutare  gli altri.. e mi reputo una persona molto altruista, magari è per questo che entro in campo sempre con molto entusiasmo! 

Raccontaci la tua esperienza da coach e/o sparring partner agli internazionali di tennis di Roma

Beh, al giorno d’oggi , le bugie non si dicono. Io come giocatore non sono proprio nessuno. Quindi per la cronaca io al Foro non ho giocato proprio con nessuno. Ho avuto solo la fortuna di accompagnare un mio carissimo amico che ha giocato ad alto livello Claudio Grassi, il quale giocando la pre quali e successivamente come sparring mi ha portato con se. A lui devo molto poiché mi ha permesso di vivere l’ambiente del circuito.

Qual’e’ il piu’ maniacale tra i professionisti che hai conosciuto ?

Un po’ tutti sono maniacali.. chi più chi meno.. ognuno ha le sue. Da chi vuole allenarsi sempre con lo stesso sparring a chi vuole sempre lo stesso campo.. o chi vuole pranzare sempre nello stesso tavolo.. 

Ho visto che ti sei allenato anche con Karlovic; il suo servizio e’ veramente cosi forte?

Per Karlovic … la pallina sul servizio oltre che a non vederla.. rimbalza tantissimo.. chiedevamo sempre le palline alla gente fuori dal campo..

Hai avuto anche l’ opportunita’ di allenare Berdych, qual’e’ il suo colpo migliore?

Berdych appoggi perfetti, l’emblema della tecnica.

A livello amatoriale perche’ in fase di palleggio/riscaldamento riesce tutto, mentre una volta iniziata la partita si compiono molti errori?

Secondo il mio modesto parere e per la mia esperienza a livello amatoriale durante le partite non c’è un ordine tattico. Quando si palleggia si è liberi col pensiero. In partita se non hai le idee chiare sul come , dove e quando giocare la palla in un modo o in una direzione,  non si vincono le partite.

Puoi dirmi un segreto che hai carpito da questi professionisti, per noi amatori ,affinche’ il nostro tennis sia piu’ efficace? E’ piu’ importante badare a cuore,testa o gambe?

Il segreto è nella tecnica e nell’ordine tattico. Per esempio vedo nella maggior parte dei match amatoriali giocate a caso. Tipo i troppi lungolinea, sbracciate sensa senso..più che cuore , testa o gambe direi che la parola giusta come dicono Da Col e Piccari è ORDINE.

Domanda d’ obbligo…il tennis e’ veramente lo sport del diavolo?

Un giorno sui social vidi una foto su un campo da tennis , diceva:
   “ il tennis è come la vita. Se non hai le palle non giochi” 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *