Rovescio ad una sola mano o con due mani?

Cos’ è meglio:
rovescio ad una sola mano o con due mani ?

Pro e contro di entrambe le tecniche del rovescio nel tennis

Si sta discutendo molto su quale sia la migliore tecnica di rovescio: quello a una sola mano o quello a due mani. Finora non ho mai letto di qualcuno che affermi sia meglio l’uno o l’altro; si parla sempre di svantaggi e vantaggi prima dell’uno e poi dell’altro o del loro feeling soggettivo nei confronti di un particolare stile di rovescio.

Perché?
Io davvero non ci vedo nessun motivo valido. Se siamo d’accordo sulla definizione di migliore (vale a dire, più efficiente per la competizione tennistica), non sarà difficile capire qual’è meglio confrontando i vantaggi e gli svantaggi di entrambi.

Un’altra cosa: rovescio a una mano significa direzione a una mano, rotazione a rovescio. Non confondetelo con il back a una sola mano, perché sono completamente diversi in termini di memoria muscolare.

INTRODUZIONE

C’erano momenti in cui il rovescio a due mani era un’eccezione.

Prima degli anni settanta, sarebbe stato del tutto inopportuno fare una discussione simile. Nessuno parlava addirittura del rovescio a due mani. Non c’era nemmeno nei manuali di tennis.

Nel tennis professionale odierno, prevale, soprattutto nel tennis femminile. Penso che questo sia un motivo sufficientemente valido per scoprire quale dei due sia meglio, e perché.

Inoltre, questo è molto importante per le future stelle emergenti che vogliono lasciare dei segni nel tennis professionale, perché può far risparmiare tempo evitando di capirlo da soli, e li metterà sulla strada giusta da subito.

PARIS, FRANCE – JUNE 09: Stan Wawrinka(Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

Un confronto tra colpi a rovescio

Dapprima ho intenzione di spiegare alcuni miti ben noti sui due stile di rovescio.

1. Più facile da imparare – il rovescio a due mani è più facile da imparare (ad esempio, i bambini non hanno tanta forza nel polso, nel braccio, e nella spalla, quindi è difficile per loro eseguire un rovescio con una sola mano), e la coordinazione del rovescio con una sola mano è più complicata.Queste caratteristiche da sole non avrebbero molto significato, perché il punto che sto cercando di dimostrare qui è che il rovescio è meglio per il gioco professionale. Se tutte le altre caratteristiche fossero a favore del rovescio con una sola mano, allora questo non conterebbe molto.

2. Più affidabile – significa che si avrà una migliore resa in situazioni di tensione. Con del buon senso, è noto che in situazioni serrate i giocatori devono utilizzare parti del corpo più grandi per ridurre l’impatto dei loro muscoli tesi. Ancora una volta, questo è a favore del rovescio a due mani.

3. Più consistente – significa che una persona può colpire più o meno lo stesso colpo ripetutamente. La risposta è ovvia: il rovescio a due mani, perché due mani sull’impugnatura consentono un controllo del movimento di apertura maggiore e una più stabile posizione della racchetta all’impatto.

4. Più preciso – ancora una volta, il rovescio a due mani a causa delle cose sopra menzionate, e anche perché il margine di errore del rovescio a una sola mano è maggiore a causa della sua richiesta di un posizionamento più preciso in relazione alla palla (cioè, la palla deve essere colpita in anticipo, e un po’ a sinistra rispetto al piede anteriore. Anche una piccola deviazione causerà grandi ripercussioni).

 

5. Più versatile – il rovescio a due mani è molto più versatile di quello a una mano. Con il primo, si può colpire un diritto, diverse rotazioni, rotazione del pallonetto, brevi rotazione a croce, una mezza volata, palle anticipate, palle alte con rotazione o anticipate.
Da un lato, tutti questi diversi colpi sono molto più facili da eseguire (e con una percentuale molto più alta di successo), e dall’altra parte, possono essere eseguiti con una maggiore variazione rispetto all’utilizzo del rovescio con una sola mano. Inoltre, i giocatori che utilizzano il rovescio a due mani, facilmente trasferiscono questa tecnica per colpire i dritti e i pallonetti in rotazione (colpi molto difficili da colpire con una mano). Il rovescio a una mano è più adatto a colpire mezzi pallonetti vicino alla rete.

6. Miglior “travestimento” del colpo – ancora una volta, non c’è paragone tra i due stili. Quello a due mani è lontano da quello a una mano, che contribuirà a superare differenti punti di contatto – e questo non è il caso del rovescio a una mano. Questo lusso di agire un po’ più tardi è il punto principale del mascheramento di un colpo (mantenendo per voi le vostre intenzioni fino a quando non è troppo tardi per il vostro avversario reagire).

7. Più potenza – la potenza del rovescio ad una mano si ha principalmente entrando sulla palla. La rotazione del corpo e l’apertura sono in seconda posizione. Quando si colpisce un rovescio a due mani, la potenza può anche venire dall’entrata sulla palla (forza laterale), ma anche dalla rotazione della parte superiore del corpo intorno alla testa (forza angolare) per diminuire il grado di apertura. Così, è evidente che il rovescio a due mani è al di sopra di quello a una mano.

8. Risposta al servizio – è quasi impossibile rispondere veloce, ad un servizio “piatto” su una superficie veloce utilizzando il rovescio dritto a una sola mano, perché durante l’utilizzo del rovescio a una sola mano non potete regolare la lunghezza di apertura. Non regolandola, siete in ritardo, e quando si è in ritardo non c’è modo di colpire il rovescio a una sola mano (cioè, non c’è una seconda mano che ruota intorno alla palla).
Inoltre, a causa della meccanica rigida meno difficile, un giocatore che usa il rovescio a due mani può preparare il colpo più rapidamente, e ciò è di fondamentale importanza per la risposta al servizio.

9. Rovescio in corsa – anche in questo caso, quello a due mani è superiore a una sola mano, perché dà al giocatore un margine di errore più grande. Per colpire un rovescio correndo con una sola mano, dovete posizionarvi più precisamente perché disponete di una zona efficace molto stretta colpisce (davanti a, a sinistra del, piede anteriore).
È vero che avete una maggiore portata con una mano rispetto a due mani, ma senza alcun risultato, perché se il braccio che colpisce è troppo lontano dal corpo, produce un colpo inefficace. D’altra parte, quando si esegue un rovescio a due mani, la zona che colpisce è più grande a causa della seconda mano, e le braccia rispetto alla posizione del corpo sono più tollerabili. Anche in questo caso, se il tempo non è perfetto, non c’è paragone tra i due.

10. Transizione verso la rete – quello a due-mani è di nuovo meglio che una sola mano come un colpo di approccio, perché potete colpire da una posizione aperta (lo stesso come dritto), che consente di spostarvi attraverso il tiro e ottenere un attacco più vicino alla rete per una migliore posizione.

11. Palle basse – per colpire rotazioni su palle basse (taglio) è difficile da solo, perché dovete girare all’indietro per creare la rotazione anteriore della palla, e se la curva del ginocchio non è abbastanza profonda, la palla finirà in rete. Anche in questo caso, quello a due ha più margine, perché eseguendo quello a due, la base di sostegno è più ampia in modo che il colpo stesso sia più stabile.

12. Palle corte, palle basse – per questo tipo di palla, nessuno dei due stili di rovescio è adatto. Il rovescio con una sola mano ha un’ulteriore portata, ma manca di effetto leva sul corpo (solo polso e braccio), e per questo è impossibile produrre un colpo soddisfacente.
Per il rovescio a due mani, questo tipo di tiro è al di là della portata a causa della meccanica del rovescio a due mani, che determinano il punto di contatto (il punto di contatto deve essere in linea con il corpo).

13. Palle molto ampie – nessun tipo di rovescio è adatto a queste, per le stesse ragioni come nel caso precedente. L’unica differenza è che tutto ciò che è stato detto per le palle davanti al corpo ora si applica alle palle al lato del corpo.

14. Le palle colpite direttamente al corpo – qui, quello a una mano ha un vantaggio perché, usando quello a due mani, la seconda mano arresta la parte superiore del corpo per non allontanarlo dalla palla in arrivo.

Le tendenze nel tennis moderno

Per ulteriore valore per lo stile di uno o l’altro rovescio, è molto importante dare qualche accenno riguardo il luogo in cui il gioco del tennis si dirigerà nel futuro:

• i nuovi arrivati saranno fisicamente più forti rispetto ai giocatori di oggi (più veloci, più potenti, e più agili), e ciò si traduce in più veloci scambi di palla in generale;

• sulla base di questa tendenza, sempre più palle saranno colpite dal bilanciamento dinamico (dal movimento);

• sempre più palle saranno colpite dall’aria e in arrivo;

• sempre più palle saranno colpite (su entrambi i lati) da una posizione aperta al fine di recuperare il più presto possibile la palla
successiva; l’apertura del punto giocherà un ruolo maggiore (il ritorno consistente sarà un must); e

•la tendenza delle superfici di gioco più lente causerà alle palle un rimbalzo più alto.

Una descrizione di entrambi i rovesci nel TENNIS:

Rovescio a una mano

  1.  racchetta meno stabile al momento dell’impatto;
  2.  richiede più tempo per la preparazione;
  3.  apertura meno controllata;
  4.  l’apertura completa è quasi una necessità;
  5.  il punto di impatto deve essere davanti e a sinistra del piede anteriore (in caso contrario, siete nei guai);
  6.  la parte superiore del corpo deve essere più che perpendicolare alla palla in arrivo;
  7.  è necessario avere molto forti spalla, braccio e polso (a meno di lesioni);
  8.  dopo aver finito, il vostro corpo è ancora per lo più laterale;
  9.  maggior potenza è generata entrando sulla palla;
  10.  una posizione lineare (vicina) è quasi un must (meno equilibrato); (tutti gli altri riflettono seriamente sull’efficienza del colpo); e
  11. il gomito deve essere vicino al corpo, altrimenti il colpo sarà inefficace (zona d’ urto stretta).

Rovescio a due mani:

  1.  un racchetta più stabile al momento dell’impatto;
  2.  preparazione più rapida;
  3.  apertura controllata;
  4.  con varietà di aperture, è possibile produrre un colpo di qualità;
  5.  il punto di contatto è in linea con il corpo e po’ a sinistra (se siete in ritardo, l’altra mano vi può aiutare);
  6.  la parte superiore del corpo deve fare una spirale, ma non tanto quanto il rovescio a una mano;
  7.  a causa delle due mani, l’effetto è distribuito più uniformemente in modo che non sia necessario avere  spalle, braccia e polsi forti (meno lesioni);
  8.  dopo aver terminato, il vostro corpo affronta la rete e si può facilmente spostare lateralmente;
  9.  il potere è generato girando le vostre spalle intorno alla vostra testa ed entrando sulla spalla;
  10.  tutte le posizioni sono possibili (più equilibrato); e
  11. grazie all’altra mano, il gomito può trovarsi in varie posizioni in rapporto al corpo per il colpo ed essere ancora efficace (zona d’impatto maggiore).

 

Rovescio a una mano lo slice e’ obbligatorio

È chiaro che il rovescio a due mani è l’attacco del tennis moderno. Per quanto ovvio sia, tuttavia, il rovescio a una mano è un must (nonostante la rotazione topspin prevalga sulla rotazione slice).

Il gioco del tennis è sempre più attacco e contrattacco, ma il taglio del rovescio a una mano è necessario per la difesa (per le palle davvero larghe e per i blocchi dei ritorni), per i colpi speciali (raggiungendo la palla corta e l’arrivo alla rete sulle palle basse e corte) e come un’arma a sorpresa cambiando la direzione e la rotazione. Quindi, ogni aspirante giocatore deve averne uno.

CONCLUSIONI

Il rovescio con una sola mano può essere un colpo molto efficace, ma richiede che tutte le condizioni ideali siano soddisfatte al massimo (polso, braccio, e spalla forti, completo giro della spalla, piena apertura circolare, posizionamento molto preciso, entrare sulla palla, e punto di impatto ottimale).

Se ci sono delle circostanze non soddisfatte, il colpo perde la relativa efficacia in sostanza. E spesso, è impossibile soddisfare queste condizioni (è molto difficile ora, e diventerà ancora più difficile in futuro) a causa delle tendenze del tennis moderno (cambi di direzione più veloci, più palle colpite dall’aria e in aumento, l’estrema importanza di colpire da un equilibrio dinamico, esigenza di recupero laterale veloce e  alte palle rimbalzanti).

Così, a dispetto dell’evoluzione del rovescio a una sola mano (di solito si finiva con le spalle ai lati della rete e oggi si finisce con le spalle essendo un pò girati), questo non è sufficiente per evitare che il rovescio a una mano con rotazione anteriore diventi obsoleto.

Allora, qual è la risposta?

A prima vista sembra difficile trovare l’approccio migliore, ma in realtà è molto facile.

Bisogna solo guardare in avanti e alla sua evoluzione (diverse posizioni, diversi punti di impatto, e colpire da un equilibrio dinamico) e poi tradurlo al rovescio (e in molti manuali di tennis, leggo che questi due colpi sono immagini speculari di ogni altro). Così, tutte le cose portano al rovescio a due mani.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *